Archive from febbraio, 2010

Le avventure delle Cugine Diùc: la curva diritta

Correva l’anno…boh, chissà quale anno era. Sicuramente uno di quelli in cui le mitiche Cugine Diùc macinavano ogni giorno chilometri e chilometri percorrendo sempre lo stesso isolato, in sella a biciclette fedeli (una delle quali era stata “trovata” dal padre di Tia vicino ad un cassonetto). Ma qualcosa di diverso capitò in quella giornata: le ragazze decisero di usare il Ciao di Ely. In due naturalmente. Guidava Tia che, messo il casco arrancava felice per la strada, con Ely appollaiata dietro. Tutto filò liscio fino a quando, imboccato il sottopassaggio della mura, Tia non sperimentò il concetto geometrico di “curva diritta”….infilandosi nella scolina del marciapiede, sotto gli occhi stupiti di quei ragazzi che l’avevano distratta….
Naturalmente ai genitori fu fornita un’altra versione della storia, per spiegare le ferite delle nostre eroine. Quelle cicatrici sono visibili tutt’ora e magari, se lo chiedete, vi racconteranno la loro storia.

 


Feb 6, 2010 - Senza categoria    No Comments

Validità delle leggi di Murphy nella vita (almeno nella mia)

“La probabilità che qualcosa accada è inversamente proporzionale alla sua desiderabilità”.

Questa è una delle Leggi di Murphy, tutti ne abbiamo sentito parlare nella vita. Il bello è che qualche volta possiamo verificarne la validità in quello che ci accade tutti i giorni. A me per esempio è capitato lunedì 4 febbraio, quando ho iniziato nel pomeriggio il corso di Grafica web e Comunicazione digitale da Cappellari qui a Ferrara. Corso molto interessante che mi piace moltissimo. Cosa è successo, direte voi, beh è presto detto. Come primo giorno direi che la sfiga ha fatto gli straordinari nei miei riguardi. E’ noto che quando si va in un posto nuovo, con gente che ancora non si conosce, le priorità sono le seguenti: 1) farsi notare positivamente; 2) rimanere neutri; 3) evitare di far notare al prossimo la propria presenza. Tenendo conto di queste regole auree dell’esistenza e vagliando nella mente vantaggi e svantaggi di ognuna, sono entrata nell’atrio dove già aspettavano alcuni compagni. Entrata trionfale. Quasi nel vero senso della parola. C’era un gradino, e naturalmente io non l’ho visto….risultato? Mi sono quasi (per fortuna) spalmata sul pavimento davanti a tutti. Il primo giorno…….

Fortunatamente il resto del pomeriggio è proseguito bene e senza danni fino all’uscita. La sfiga ha pensato bene di rifarsi viva. Mentre decidevo quale strada prendere, in sella alla mia balda bicicletta elettrica ho fatto una splendida caduta…..da ferma….davanti all’istituto…..dando una stupenda craniata contro un palo di lavori in corso dietro di me……è anche tanto che non sia caduta nel buco con bici e tutto…..naturalmente per la mia famiglia e il mio ragazzo sono un’inguaribile impedita….

Prime due dimostrazioni della validità della legge di Murphy di cui sopra.