Archive from novembre, 2011

I pensieri della bicicletta

Mentre sono sulla mia gloriosa bicicletta elettrica,la mia mente si lancia spesso in pensieri di ogni tipo per passare il tempo. Ieri mi sono dilettata in voli pindarici mentali riguardo alla natura sociale dell` uomo,dalla frase “nessun uomo é un` isola” (se ricordo bene), a considerazioni sui social network partendo dal detto ermetico “come in alto così in basso,come dentro così fuori” per provare il fatto che tutti gli esseri umani sono collegati,quindi hanno creato i social network per rendere più evidente ed effettiva questa connessione…. Il tutto nella mia testa senza pubblico….forse devo cambiare spacciatore…..

La mattinata in tribunale

Oggi con Tia abbiamo provato una nuova esperienza: udienza in tribunale. Il posto è molto moderno e veramente grande, ma gli imprevisti sono iniziati praticamente da subito: la donna all’ufficio informativo a cui Tia si è rivolta per avere notizie riguardo all’aula della causa, ci ha dato un’indicazione sbagliata. L’ascensore che abbiamo preso era quelli modello “se mi chiamano vado subito al piano della chiamata,fregandomene di chi è dentro”. Morale: siamo tornate al piano terra…Finalmente giunte a destinazione abbiamo scoperto che l’ufficio che quella gentile signora ci aveva indicato era chiuso. Fermato al volo un avvocato abbiamo domandato a lui, arrivando fuori dall’aula giusta. La sua udienza era la numero 8….e tutte segnate alle 9. Dopo minuti lunghissimi di attesa (dove sono passati 3 uomini ammanettati con seguito di polizia, si è fermato davanti alla porta un rumorosissimo signore in carrozzella che faceva più confusione di 20 persone) è stata chiamata finalmente dentro, per uscire poco dopo con la data del prossimo anno come rinvio di udienza. L’accusato non si era presentato e quindì vai di rinvio……E’ stata comunque una nuova esperienza.